Viaggiare sicuri: alcuni consigli utili


State per fare un viaggio? Ecco alcuni consigli per viaggi sicuri: prima della partenza consultate sempre il sito www.viaggiaresicuri.it.  Riportiamo di seguito alcuni i consigli della dssa. Ornella Cappelli, presidente dell'Associazione Italiana Donna Medico, tratti dall'articolo apparso su D di Repubblica il 16 Luglio "non dimenticate di includere nel vostro kit viaggio sempre "antifiammatori quali ibuprofene, e paracetamolo", e "antistaminici" contro allergie e punture d'insetti, come anche "antiacidi o procinetici" per il trattamento del bruciore, e "antidiarroci" contro la "diarrea da viaggiatore". In caso di viaggi esotici, fate l'esame del sangue al rientro, poiché malattie esotiche come la malaria si manifestano dopo lunghi periodi di latenza. Per superare i malesseri dovuti al jat lag la d.ssa Cappelli suggerisce l'assunzione della melatonina qualche giorno prima della partenza. Per chi viaggia in Germania vige  ancorala regola della prudenza nell'assumere verdure e frutta crude, ed il divieto di bere l'acqua di rubinetto, essendoci ancora l'epidemia da Escherichia coli.Utili da portare con sé contro sintomi gastoenterici integratore di sali minerali e fermenti lattici.
Per viaggiare piu' serenamente in aereo il dottor Sergio Harari nell'inserto de Dottore Risponde del 17 Luglio del Corriere della Sera - Salute, suggerisce alcuni rimedi pratici per evitare i sintimi da mal da aereo, che distingue in due gruppi:
Il primo quello dei problemi respiratori dovuti alla sindrome da raffreddamento dovuto alla forte aria condizionata negli aerei, che puo' provocare tosse e mal di gola e complicarsi in bronchiti, a maggiore rischio chi già soffre di malattie respiratorie croniche e  maggiormente gli asmatici che durante il viaggio dovrebbero sempre portare con sé due puff di un broncodilatatore a breve durata d'azione come il salbutamolo, per fare scomparire immediatamente i sintomi.
Per i viaggiatori affetti da malattie croniche polmonari coma la bronchite cronica consiglia di fare attenzione durante il volo al fin di evitare il piu' possibile l'esposizione al freddo, e in caso di sfortunate raffreddamento correre ai ripari con broncodilatatori ed eventualmente antibiotici.
Il secondo gruppo é quello dei viaggiatori che soffrono di disturbi come insufficienza venosa. Questi viaggiatori non devono stare torppo a lungo seduti, ma devono cercare di alzarsi e camminare nel corridoio, e bere molto acqua.
Possono prevenire complicanze come embolie polmonari seguendo queste precauzioni,  previnere questi problemi facendo una puntura di eparina a basso peso molecolare prima di imbarcarsi. Il medico di famiglia, continua, il dottor Harari, puo' dare tutti i consigli per l'amministrazione. 

Segnaliamo inoltre un servizio che abbiamo trovato interessante offerto da www.medical-passport.it al costo di 30 euro all'anno che permette ai pazienti di accedere i propri dati clinici in qualsiasi momento e parte del mondo. I dati medici vengono tradotti in diverse lingue le piu' diffuse nel mondo.
Infine riportiamo consigli apparsi nell'articolo della giornalista Marina Catucci  su D di Repubblica del 16 Luglio.

La giornalista, dopo avere scoperto di essere affetta da sclerosi multipla, una  malattia cronica progressiva, non ha rinunciato a viaggiare  all'estero, sperimentando, tuttavia a proprie spese, che per un malato cronico non sempre viaggiare é  semplice, e non é facile superare i controlli all'aeroporto con medicinali come le iniezioni che non si possono portare né in stiva perché il farmaco potrebbe congelarsi, né attraverso i raggi X perché la composizione chimica potrebbe alterarsi. Non potendo rinunciare ai viaggi la giornalista si é organizzata e ben informata ed arrivata a delle soluzione utili per tutti  coloro che devono viaggiare in aereo: "per imbarcare liquidi é necessario avere con sé una lettera del proprio medico (scritta in italiano e inglese) che attesti la malattia e la necessità di fare iniezioni o assumere un detirminato farmaco ogni giorno, accompagnata da una lettera in bilingue della ditta farmaceutica che spiega la composizione chimica del farmaco e il perché non deve congelarsi.
Marina Cantucci  suggerisce a tutti i viaggiatori, al di là delle burocrazie, di richiedere agli addetti del check-in assistenza e di essere consapevoli dei propri diritti come viaggiatori.
LAM Italia consiglia infine a tutti in particolare a chi viaggia in paesi extra cee, di sottoscrivere prima della partenza, un’assicurazione che copra  le eventuali spese sanitarie e soprattutto il rimpatrio aereo in Italia.

Per le pazienti LAM che vogliono avere maggiori info sul volo consigliamo di consultare innanzitutto il proprio medico e di leggere l'articolo pubblicato sul nostro portale accedendo da questo link http://www.lam-italia.org/lamitalia/articolo.jsp?idArticolo=23

 

Buone ferie e buoni viaggi - LAM Italia Onlus - Iris Bassi